domenica 14 marzo 2010

Fine inverno

La neve di Marzo sembra cotone gettato per dispetto sulle facce assonnate della gente.
Lo sguardo che fino a pochi giorni prima tradiva il pensiero della primavera, ora è volto a terra, a evitare pozze d'acqua e ghiaccio che quando ci balzi dentro fanno un ridicolo spacioch. Sembra un'ingiustizia, la neve di Marzo, che costringe alla prigione dell'ombrello e alla tortura delle scarpe bagnate. Che obbliga tutti a sparlare con meraviglia del tempo, a raccontarsi in centimenti caduti:
- Da me almeno venti.
- Da me venticinque.
- Io, invece, ahimé, solo normodotato.
E mentre tutti parlano e misurano e fanno a gara di stanchezza, continuano a cadere fiocchi come coriandoli di una festa bianca che forse è solo una festa di addio. Tentare di evitarli è una danza da fare col cappotto e la sciarpa: passi incerti, balzi, giaravolte, da riguardare con un sorriso mentre si cammina all'indietro.
La neve di Marzo sono i titoli di coda dell'inverno più lungo che ricordi, da leggere con attenzione mentre tutti si alzano e vanno via sbuffando.

Che poi arrivano domaniche mattina come questa: il sole che sbianca le pareti di casa e scalda la pelle, un silenzio che mette quasi paura. Aspettare che quacuno si svegli, la barba da fare, il gusto del caffè da tenere sul palato. Uscire sul balcone e misurarlo in passi, tredici lunghi, tirare su la testa come una specie girasole, sentirsi addosso le gemme di una voglia nuova. Un inizio.
    

9 commenti:

  1. questa domenica di sole è una manna!

    RispondiElimina
  2. che poi viene la voglia di uscire. per lasciarsi catturare da quel sole.
    e sul balcone si pensa ai gerani da mettere. e di quale colore.

    RispondiElimina
  3. e speriamo che siano titoli di coda e non come in Piramide di paura, che dopo i titoli riprende il film...

    RispondiElimina
  4. speriamo che questi titoli di coda siano definitivi e che non ci sia un reprise..ps. ho visto che ti piace haruki murakami.. che dire.. finalmente qualcuno che lo apprezza :)un salutog.

    RispondiElimina
  5. non potevi raccontarlo meglio...

    RispondiElimina
  6. Si, un risveglio. Dopo che proprio si arriva a non poterne più, si svela il sole. E ride, e gioca con noi poveri umani...

    RispondiElimina
  7. Ti muovi con leggerezza sulla pesantezza di questo fine inverno...

    RispondiElimina
  8. Passo per lasciare un saluto, torna presto.

    RispondiElimina
  9. achille.. ci voleva, vero?elena.. già, si pensa a mettere via il cappotto, e vien quasi voglia di cenare all'aperto. .cassie.. questa volta non ce la farei..carewall.. a giudicare dal cielo, no, direi che sta proprio finendo..nonsisa.. oh, sì che si poteva. in fondo bastava dire: non ce la faccio più..cumino..  già, poveri umani, ché io vorrei essere gatto..pepper.. è per invogliarlo con delicatezza a levarsi dai coglioni..cumino.. magari sì, quando ritrovo le parole per dire..

    RispondiElimina